Lovot, il robot made in Japan che rende felici le persone

I giapponesi ci hanno abituato a idee bizzarre riguardanti la tecnologia e non solo. A continuare questa sorta di “tradizione” ci pensa Lovot, una sorta di versione 2.0 del Tamagotchi che, sul finire degli anni ’90, è stata una moda passeggera che ha coinvolto un po’ tutto il mondo.

Ma cos’è realmente questo oggetto vagamente antropomorfo? Si tratta di un vero e proprio robot realizzato con il chiaro fine di rendere le persone felici e, per fare ciò, è stato programmato per interagire con esse.

Il comportamento di Lovot ricorda da vicino quello di un cucciolo o di un bambino e si tratta dell’unione di un’intelligenza artificiale e di una cinquantina di sensori. Proprio questi sensori, oltre a dare percezione di ciò che circonda il robot, gli consentono di interpretare ciò che gli accade attorno e di rispondere con azioni che ricordano emozioni umane. Ben lontano dalla concezione di robot potenziale pericolo per il genere umano, Lovot dovrebbe ispirare fiducia e un senso di benessere nelle persone che lo possiedono.

A sviluppare questo interessante progetto è stato Kaname Hayashi,  Ceo di Groove X nonché ex dipendente di  SoftBank, azienda nella quale aveva diretto lo sviluppo del robot Pepper che può dunque essere in qualche modo considerato imparentato con Lovot.

Lovot, l’evoluzione del vecchio Tamagotchi

Il dispositivo in questione pesa circa 3 chili e si muove grazie a delle ruote. Tramite la videocamera termica individua le persone mentre gironzola per casa, cercando persone per effettuare interazioni come richiedere di essere preso in braccio e farsi fare le coccole. Lo stesso design sotto il punto di vista prettamente estetico è stato elaborato per ispirare tenerezza negli esseri umani.

Se siete interessati a questo Lovot dovrete armarvi sia di pazienza che di parecchio denaro: nonostante il robot possa essere già prenotato, la consegna è prevista agli inizi del 2020. Costo? 349,000 yen, una cifra che corrisponde a circa 2,700 euro.

Fonte: Ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *