Pasta termica: le migliori, a cosa serve e come applicarla

0

La pasta termica è un composto fondamentale che serve ad aiutare la CPU – o altri eventuali chip – a trasferire il calore sprigionato dal lavoro effettuato verso il dissipatore.

In questo articolo vedremo nel dettaglio cos’è, come e ogni quanto applicarla e quali sono le migliori da acquistare.

A cosa serve la pasta termica

La pasta termica è un composto ad alta conducibilità termica che serve a trasferire efficacemente il calore prodotto dalla CPU al dissipatore. Tra i due infatti, nonostante siano posti uno sull’altro, possono crearsi delle sacche d’aria che impediscono il corretto trasferimento del calore. La pasta termoconduttiva – così viene anche chiamata – serve ad evitare ciò e migliorare la velocità di trasferimento del calore stesso facendolo quindi dissipare più velocemente.

Se le temperature raggiunte diventano eccessive è infatti possibile che le componenti si fondano o comunque subiscano dei danni irreparabili.
In realtà nei moderni processori è presente un sistema che spegne automaticamente il pc nel caso in cui vengano raggiunte temperature critiche, ma può capitare che agisca in ritardo o non funzioni a dovere.

Prima di passare a vedere come applicare o sostituire la vecchia pasta termica, vediamo quali sono quelle migliori davvero in grado di fare il loro lavoro.

Le migliori paste termiche

Ecco una tabella riepilogativa prima di vedere ogni prodotto nel dettaglio.


Noctua NT-H2

La migliore in assoluto

Funzionalità

Costo

Valutazione

Questa della Noctua è la migliore pasta termica in commercio adatta a qualsiasi tipo di prestazione ed è il prodotto successore della NT-H1 che già si era stabilita come “re” in questa categoria di composti.

E’ l’ideale sia su dissipatori ad aria che a liquido e perfetta anche su computer overclockati e particolarmente indicata in situazioni più spinte come il gaming essendo in grado di abbassare le temperature di diversi gradi.

Grazie alla siringa da 3.5g nella quale viene venduta è molto semplice da erogare nella giusta quantità e sul retro della confezione troviamo consigli ed istruzioni per un’applicazione perfetta. E’ cremosa al punto giusto e non necessità di essere spalmata.
All’interno della scatola sono anche presenti 3 salviettine monouso da utilizzare per pulire la cpu ed il dissipatore prima dell’applicazione.

Il produttore sostiene inoltre che la durata della pasta termica con un normale utilizzo si aggira tra un periodo compreso tra i 3 ed i 5 anni.

  • Temperatura massima: 200° C
  • Densità: 2.81 g/cm³
  • Conducibilità termica: –
  • Viscosità: –
In breve

Pro

  • Miglior pasta termica
  • Ottima per il gaming e l’overclocking

Contro

  • Nessuno da evidenziare

Link

amazon_button_table

Artic MX-4

artic mx-4

Ottimo compromesso fra qualità e prezzo

Funzionalità

Costo

Valutazione

Si tratta della pasta termica migliore in termini di rapporto fra qualità e prezzo: questo ha contribuito a renderla molto popolare.

E’ a base di microparticelle di carbonio che conferiscono un’alta conducibilità termica ma non elettrica garantendo così un maggior grado di sicurezza.
Sempre per via della sua composizione non è soggetta ad “invecchiamento” ed un’applicazione può durare fino ad 8 anni – anche se consigliamo di sostituirla più spesso.

Anche questa è molto facile da utilizzare e nella confezione viene fornita insieme ad una piccola spatola che serve per spalmarla uniformemente.

E’ disponibili in diversi formati in modo da potersi adattare a tutte le diverse necessità, ma il tubetto da 4g è considerata la versione standard ed è a sufficienza per diverse applicazioni.

Parlando di dati strettamente tecnici:

  • Conducibilità termica: 8.5 W/mK
  • Viscosità: 870 P
  • Densità: 2.5 g/cm³
In breve

Pro

  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • Accessori forniti

Contro

  • Nessuno da evidenziare

Link

amazon_button_table

Cooler Master MasterGel Pro

Buona per il gaming

Funzionalità

Costo

Valutazione

Un’altro prodotto interessante è quest dalla Cooler Master, onnipresente nel mondo dei pc ed i relativi accessori ormai da anni.
Il suo marchio è praticamente una garanzia a se !

Anche questa pasta termica è di ottima qualità ed adatta a qualsiasi situazione, incluso il gaming.
Sembra infatti che riesca – rispetto a molti altri prodotti – a far abbassare le temperature della CPU di un valore compreso fra 2 e 10°, che non sono di certo pochi.

E’ abbastanza liquida e la sua applicazione è semplice: attenti però a non metterne troppa, specialmente vicino ai lati, in quando tende a spalmarsi ed allargarsi molto facilmente.
Viene fornita con un raschietto ad una salvietta per la pulizia ed è abbastanza costosa se si considera che il tubetto è da soli 1.5g.

  • Conducibilità termica: 8 W/mK
  • Viscosità: –
  • Densità: –
In breve

Pro

  • Ottimo prodotto
  • Abbassa le temperature efficacemente

Contro

  • Costo un pò alto

Link

amazon_button_table

Thermal Grizzly Kryonaut

pasta termica thermal grizzly kryounaut

Una pasta termica di facile applicazione

Funzionalità

Costo

Valutazione

La pasta termica Kryounaut è un eccellente prodotto adatto sia ad utilizzi standard che computer più performanti – come quelli da gaming sporadico e non troppo spinto, per i quali la Noctua rimane la nostra scelta preferita.

Il costo di questa pasta supera di gran lunga quello delle altre, e questo è dovuto – oltre che dalla sua qualità – anche dall’esclusivo applicatore nel quale viene fornita.
Si tratta di un beccuccio in gomma grazie al quale la pasta può essere distribuita uniformemente sulla CPU dopo la sua erogazione.

  • Conducibilità termica: 12.5 W/mK
  • Viscosità: 160P
  • Densità: 2.6g/cm3

Per pc dalle prestazioni estreme come quelli pesantemente overclockati, la Themal Grizzly propone una pasta termica liquida – vedremo più giù cosa significa – chiamata Conductonaut con una conducibilità termica di 73W/mK !!

Pro

  • Applicatore di facile utilizzo
  • Ottimo prodotto

Contro

  • Costo

Link

amazon_button_table

Altri Marchi

Fra le altre marche da tenere in considerazione durante l’acquisto, vogliamo anche segnalarvi la Gelid – in particolare con la GC-Extreme – e la Corsair.


Tipi di pasta termica

Le paste termiche possono essere principalmente divise in 3 categorie:

pasta termica liquida
Applicazione della pasta termica liquida – immagine presa da Tom’s Hardware
  • Cremosa – Sono quelle più diffuse ed offrono una facile applicazione come vedremo qui sotto. La loro termoconduttività è ottima.
  • Pad termico – Sono degli adesivi che si appiccicano tra il processore ed il dissipatore. Hanno il vantaggio di sporcare meno, la loro capacità termoconduttiva è minore rispetto a quelle in crema. Non sono molto diffusi, ma possiamo talvolta trovarli nelle CPU quando vengono acquistate in formato boxed – ovvero con dissipatore incluso.
  • Liquida – Sono eccezionali nel dissipare correttamente il calore, ma sono molto difficili da applicare e a lungo andare possono corrodere i componenti circostanti se fatti in alluminio – vanno invece bene con il rame. Alcune per evitare quest’inconveniente hanno un pennellino integrato, come se si trattasse di una bottiglietta di smalto.

In questo specifico articolo vedremo come si applica la pasta termica cremosa essendo la più diffusa.


Come si mette la pasta termica

Esistono diverse scuole di pensiero su come la pasta termica vada applicata: qui vi mostriamo i due metodi più effettivi per farlo.
Si tratta di un argomento sul quale ogni appassionato ha il suo modo di vedere, ma i metodi validi possono veramente essere contati sulle dita di una sola mano.

Prima di vedere nel dettaglio come mettere la pasta termica correttamente, ci sembra giusto mostrare anche cosa NON si deve fare ed i metodi da evitare.

Applicazione tramite linea – Esattamente il nome suggerisce, consiste nell’applicare la pasta creando una linea sul processore senza però arrivare ai bordi per evitare che scoli fuori.
Il problema con questo tipo di applicazione è che il composto non viene distribuito uniformemente.

Applicazione a croce – In questo caso le linee sono due e vanno a creare una croce sul processore. Il problema con questo metodo è che spesso di va ad applicare una quantità eccessiva e questo può portare a problemi di conduttività nei componenti circostanti.

Il metodo corretto – Per applicare la pasta termica correttamente, tramite la siringa, basta depositare una piccola quantità esattamente al centro del dissipatore. Questa piccola quantità corrisponde ad un chicco di riso crudo – una quantità davvero piccola, ma corretta – come nell’immagine qui sotto.

come si mette la pasta termica

Una volta messo il dissipatore ed agganciate le sue clip, la pressione tra i due componenti sarà sufficiente a distribuire la pasta termica uniformemente.

Se però quella da voi scelta dovesse sembrarvi troppo densa potete utilizzare della pellicola da cucina per arrotolare il vostro dito ed andare a spalmare la pasta uniformemente.
Generalmente questa operazione non è necessaria e basta sollevare il dissipatore per vedere se la pasta è stata spalmata a dovere.

Prima dell’applicazione assicuratevi inoltre di rimuovere sporco o eventuali residui di applicazioni precedenti – vedremo qui sotto come fare in dettaglio.

Ogni quanto va cambiata la pasta termica ?

Ogni quanto sostituire la pasta termica ? Non è una domanda di facile risposta in quanto molto dipende dall’uso che facciamo del nostro pc.

In linea generale possiamo però affermare che la pasta termica andrebbe sostituita ogni 18 mesi circa o ogni volta che le componenti vengono smontate e riassemblate.

Prima di applicarla di nuovo bisogna però pulire a dovere la parte superiore della CPU e la piastra del dissipatore dai residui di quella vecchia.
Per fare ciò basta utilizzare un panno morbido sul quale applicare una piccola quantità di alcol – etilico e denaturato – o anche un goccio di acetone – come quello utilizzato per le unghie.
Fatelo lontano dalla scheda madre così da non far cadere del liquido sopra di essa.

Assicuratevi che il panno non lasci peli e che le due componenti siano completamente asciutte prima di procedere ad una nuova applicazione.
Fortunatamente sia l’alcol che l’acetone evaporano nel giro di pochissimi minuti.

Un altro sistema per verificare la necessità di sostituzione della pasta termica è quello di monitorare la temperatura della propria CPU. Se avete notato un aumento di 5/10° negli ultimi tempi, probabilmente è arrivato il momento di procedere alla sostituzione.

Attenzione: le paste termiche sono dotate di una scadenza dopo la quale iniziano a perdere la loro efficacia. Assicuratevi che la vostra sia ancora in buona data e che non siano passato troppo tempo da quando l’avete aperta. Riferitevi alle istruzioni del produttore per informazioni aggiuntive in quanto i tempi variano in base al prodotto.


Pasta termica per la PS4

Talvolta potrebbe essere necessario sostituire la pasta termica anche sulla propria console, in particolare sulla PS4, ma anche sulla versione 3 o sull’XBox.
I prodotti elencati in questa pagina possono essere utilizzati anche per quest’evenienza: non esistono infatti paste per le console e altre per il pc, bensì sono equivalenti. Stesso discorso per la GPU.

In questo caso però la sostituzione è un’operazione molto più difficile da effettuare e potrebbe richiedere l’aiuto di un esperto a seconda delle vostre competenze.
Qui sotto vi lasciamo il link ad un video che mi mostra come sostituire la pasta termica sulla PS4.


Conclusione

Speriamo di aver fatto luce su quale sia la migliore pasta termica per le vostre esigenze e di avervi spiegato correttamente come applicarla.
Se così non dovesse essere lasciate pure un commento qui sotto e saremo felici di rispondere.

Una piccola nota in merito alle paste termiche “fatte in casa”. In rete potete trovare molte ricette ed esperimenti – e persino chi ha utilizzato della Nutella – su come creare il vostro composto a casa: evitatele come la peste, in quanto rischiate solamente di rovinare il vostro pc andando a risparmiare poco e niente. Questi prodotti infatti hanno davvero dei costi contenuti.

Share.

Leave A Reply